Thread Reader

La storia di oggi

@lastoriadioggi

Sep 23

5 tweets
Twitter

23 settembre 1943 il vigebrigadiere ventitreenne Salvo D’Acquisto si sacrifica per salvare da una rappresaglia nazista la vita di ventidue civili innocenti. Il giorno precedente a Palidoro, località del comune di Fiumicino, un’esplosione uccise due soldati nazisti...

Il comandante del reparto convocò immediatamente il vicebrigadiere della zona, Salvo D’Acquisto, e gli ordinò di trovare i responsabili: pena una rappresaglia di civili. Il vigebrigadiere fece le sue indagini e concluse che si trattasse di un incidente privo di autori…

probabilmente gli stessi tedeschi sganciarono per sbaglio una bomba a mano, ma il comandante nazista si lasciò convincere e ordinò la rappresaglia. Ventidue civili furono prelevati dalle loro case e portati in piazza per l’esecuzione…

Pochi istanti prima della messa a morte il vicebrigadiere fece una falsa confessione dichiarando di essere il colpevole; in questo modo i tedeschi fucilarono solo lui e lasciarono libere le altre persone…

Una testimonianza diretta riportò gli ultimi istanti di vita del vicebrigadiere D’Acquisto, il quale prima di morire sotto i colpi di fucile gridò: “Viva l’Italia”.

La storia di oggi

@lastoriadioggi

La storia di oggi, ogni giorno.

Follow on Twitter

Missing some tweets in this thread? Or failed to load images or videos? You can try to .